Battaglie fondamentali per i cristiani e il cristianesimo

La battaglia di Poitiers riuscì ad arrestare l'espansione araba in Europa; alla battaglia del Ponte Milvio, vinta dall'imperatore Costantino, conseguì la libertà di culto per i cittadini dell'Impero romano

0
979
La battaglia di Poitiers o diTours
La battaglia di Poitiers o diTours

La battaglia di Poitiers (battaglia di Tours) e la battaglia di Ponte Milvio: due scontri avvenuti in epoche diverse ma accomunati dalle conseguenze che hanno comportato per il mondo europeo e cristiano in particolare.
La battaglia di Poitiers è ricordata come lo scontro che riuscì ad arrestare l’espansione araba in Europa; alla battaglia del Ponte Milvio, vinta dall’imperatore Costantino (Impero romano d’Occidente) è conseguita la libertà di culto per i cittadini dell’Impero romano.
Le racconta il doppio appuntamento con a.C.d.C il programma tv di Rai Cultura introdotto dal professor Alessandro Barbero, in onda giovedì 10 marzo dalle 21.30 su Rai 3.

Si comincia con la battaglia di Poitiers, conosciuta anche come battaglia di Tours: la Storia racconta che il suo esito non fu determinante, ma è ricordata per il forte significato simbolico che le è stato attribuito in ambito cristiano, come lo scontro che riuscì ad arrestare l’espansione araba in Europa. E proprio nel descrivere questa battaglia, i cronisti del tempo usano per la prima volta l’aggettivo “europei” per attribuire un’identità collettiva ai guerrieri che avevano fermato gli invasori musulmani. La battaglia fu combattuta nell’ottobre del 732 tra l’esercito arabo-berbero musulmano e quello dei Franchi di Carlo Martello.

Alle 22.30, obiettivo sull’imperatore Costantino e sulla sua ascesa, primo cristiano, al trono dei Cesari. Momento chiave della sua vita è l’autunno del 312 d.C.: il suo esercito è accampato a 60 chilometri da Roma e si sta preparando alla battaglia decisiva contro il rivale Massenzio, quando alcuni segnali miracolosi lo convincono a convertirsi al Cristianesimo. Il giorno dopo, nella battaglia del Ponte Milvio, Massenzio è sconfitto e annega nel Tevere.
Costantino, vittorioso, si allea all’imperatore d’Oriente Licinio, dandogli in sposa la figlia. I due firmano insieme l’editto di Milano, che concede ai cittadini dell’Impero la libertà di culto. Ma quando Costantino fa costruire la Basilica di San Pietro e mette al bando gli dei pagani, Licinio e il senato gli si scagliano contro. Nella guerra di religione che ne segue, l’Impero d’Oriente è sconfitto e Costantino riunifica l’Impero sotto la bandiera del Cristianesimo.